Project Description

Le regole di un vero Signore a tavola

Morbi vitae purus dictum, ultrices tellus in, gravida lectus.

Eccoci qua! Come promesso, è la volta dei signori uomini e delle loro regole di comportamento a tavola.

La tavola, si sa, è la migliore delle prove per capire se siamo di fronte ad un vero signore; infatti, basta poco perché si possa palesare qualche comportamento “non signorile” da parte dei nostri commensali uomini a tal punto da farci agognare di terminare l’esperienza il prima possibile e tornare a casa.

La tavola è il miglior banco di prova per i veri Signori ed il peggiore per i finti.

Ecco, di seguito, alcune delle regole assolutamente fondamentali da rispettare:

  • Se si va al ristorante, la porta viene solitamente aperta dall’uomo che entra per primo. Questo serve per accertarsi che l’ambiente sia consono e decoroso per la sua signora. Quindi, le regge la porta e la fa entrare.
  • Appena inizia la cena, la discussione dovrà essere più leggera possibile, senza troppi “io” e senza ostentare guadagni esagerati, ultime auto acquistate, viaggi interstellari in posti esotici. Un vero signore è colui che non parla di sè.
  • Lo smartphone si spegne prima ancora di sedersi a tavola. Mai usarlo in presenza di una donna a tavola!
  • Non deve mai poggiare sulla tavola: chiavi, cellulare, portafoglio o il tragico borsello.
  • Naturalmente, mangerà con la bocca chiusa e mai parlerà mentre ha il boccone in bocca; sembra un’affermazione elementare ma non è così, purtroppo.
  • Mai la bocca va verso il piatto, ma è la forchetta che va verso la bocca; quindi, rimanere dritti e portare la posata verso di voi.
  • Evitate i mignoli alzati, fateli stare insieme alle altre dita della mano in buona compagnia.
  • Quando si parla tra una portata e l’altra, mai portare il corpo verso il tavolo poggiando i gomiti per ascoltare l’interlocutore o dare le spalle a chi sta seduto accanto o, ancor peggio, ridere a crepapelle in modo convulso.

  • Non si serve mai per primo e non inizia mai a mangiare se la Signora non ha portato il primo boccone in bocca.
  • Se si è al ristorante, se proprio deve chiamare il cameriere, lo deve fare quando è vicino senza dover alzare le braccia oppure alzare la voce per farsi sentire.
  • Il tovagliolo viene spiegato nelle gambe solo all’inizio, quando ci si siede, usandolo prima di bere e non in maniera esagerata; d’altronde, un vero signore sa come si mangia e difficilmente si sporca.
  • Se il cameriere non è attento, sarà suo il compito di servire l’acqua o il vino quando vede il bicchiere della sua compagna vuoto, anche se lei non lo chiede; è un gesto di attenzione e cortesia.
  • A fine pasto, non chiedere mai degli stuzzicadenti. Non mi stupirei che la compagna si alzasse lasciandolo solo al tavolo.
  • Naturalmente, paga il conto in maniera quasi impercettibile, senza chiamare a voce alta il cameriere, ma fra una chiacchiera ed un’altra, senza che la compagna se ne possa accorgere. I soldi a tavola sono sempre una terribile cafoneria.
  • Quando esce dal locale, questa volta sarà la signora ad uscire per prima con la porta sempre tenuta dal Signore che, ci auguriamo, abbia reso indimenticabile questa esperienza.

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani aggiornato sulle nostre deliziose novità

    Non amiamo lo spam. Puoi cancellarti quando vuoi.