Descrizione Progetto

Patacò con i broccoli e la salsiccia

Si tratta di una ricetta che utilizza la farina ricavata dalla macina di una leguminosa chiamata cicerchia.
La cicerchia è uno dei legumi più antichi fa parte dell’alimentazione contadina, se ne trovò traccia già in Mesopotamia con datazione risalente a più di 8000 anni fa. Questo alimento ha fatto a lungo parte della tradizione e dell’alimentazione contadina siciliana. E’ stata dimenticata per lungo tempo e da poco riscoperta (nel periodo di disuso veniva impiegata come ghiaia per i presepi).

Cicerchie
Solo di recente è stata riconosciuta come Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano, quindi rivalutata.

Il motivo per il quale è finita nel dimenticatoio a lungo, è presto detto: l’elevato consumo di cicerchie poteva provocare disturbi neurologici, a causa di un particolare “acido” contenuto in esse. Per ridurre al minimo la tossicità delle cicerchie, potete lasciarle a lungo in ammollo, preferibilmente in acqua salata e tiepida. Al momento della cottura, sostituite l’acqua dell’ammollo con nuova acqua. La cottura ad alta temperatura contribuisce a sconfiggere la potenziale tossicità della cicerchia e la cottura prolungata mettono fine a qualsiasi effetto negativo sull’organismo umano.

Le cicerchie sono legumi ricchi di proteine. Contengono, inoltre, vitamine del gruppo B, vitamina PP, calcio e fosforo, oltre che una buona quota di fibre. Sono povere di grassi ma molto energetiche, stimolano la memoria e migliorano il tono muscolare.

Le cicerchie sono simili a piccoli sassolini, con un colore che va dal bianco al grigio sporco o anche al giallo opaco. La forma è irregolare. Il seme è diverso per ogni pianta.

Questo legume viene largamente impiegato in cucina e si presta alla preparazione di svariati piatti ricchi e gustosi della tradizione siciliana. Nel Catanese si chiama “patacò” la farina ricavata dalla cicerchia.

La farina è dotata di straordinaria conservabilità e permette di creare piatti sia freddi che caldi, tutti nutrienti e gustosi, come la “Patacò con i broccoli e la salsiccia”, da mangiare anche col pane, oppure fritta quando la stessa è già diventata fredda.

pataco2
renda caldovino2

CHEF

Maddalena Renda e Carlo Caldovino

CUCINA

Siciliana

DIFFICOLTA’

Media

DATI PER LA PREPARAZIONE

20 min
Prep

30 min
Cottura

50 min
Totale

4 Persone
Dosi

La Ricetta

INGREDIENTI
  • Broccoli comunemente chiamati da noi sparacelli 1 Kg
  • Acqua 2 lt

  • Sale q.b.

  • Aglio n. 2 spicchi

  • Olio evo q.b.

  • Farina Di Cicerchia 120 gr

  • Salsiccia (facoltativa) 200 gr

  • Pepe Nero o Peperoncino q.b.

PREPARAZIONE
  • Pulite i broccoli, eliminate le parti dure e metteteli a bollire in due litri d’acqua salata.

  • A cottura dei broccoli ultimata, metterli in acqua e ghiaccio per mantenerne il colore.

  • Soffriggete dell’aglio tritato finemente (se lo mangiate oppure intero e poi togliere) aggiungete la salsiccia privata del budello e fate rosolare il tutto; unite i broccoli cotti, mescolate per alcuni minuti aggiungendo anche l’acqua utilizzata per cuocere i broccoli.

  • Cominciate a versare poco per volta la farina di cicerchia alternandola all’acqua di cottura dei broccoli e mescolando di continuo.

  • Appena il composto raggiunge la consistenza desiderata, aggiungete dell’olio, un pò di peperoncino o pepe nero e servite all’interno di una pagnottina di ottimo pane casereccio.

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani informato sui nostri consigli

Non amiamo lo spam. Puoi cancellarti quando vuoi.