Descrizione Progetto

Il formato Anelletto identifica la vera indole palermitana: a tutto tondo! Perchè i Palermitani sono “completi” in tutto; come in questo caso, mangiando un primo piatto che, appunto, completa il pasto. Ma raccontiamo, prima, un pò di storia. Come nasce l’anelletto? Sembra che nel periodo del medioevo si iniziò a realizzare questo tipo di pasta, richiamandosi a dei piccoli gioielli e monili per le donne arabe, degli orecchini a forma di anelli. Vista la genialità, si scoprì anche che il condimento scivolava velocemente dentro i buchi creando un miscuglio piacevole di pasta e sugo. Ma perchè al forno o con il forno? Al forno è un normale modo di cucinare la pasta, con il forno è anche una normale locuzione palermitana per sottolineare la fratellanza che si ha anche con gli utensili della cucina. Perchè i palermitani sono “amici” a tutto tondo!

pasta al forno

CHEF

Chef

CUCINA

Palermitana

DIFFICOLTA’

Media

SOCIAL

Accademia

DATI PER LA PREPARAZIONE

30 min
Prep

105 min
Cottura

135 min
Totale

6 Persone
Dosi

La Ricetta

INGREDIENTI
  • Anelli Palermitani 350 g
  • Maiale, Manzo (tritato) 400 g

  • Piselli surgelati 200 g

  • Vino Rosso mezzo bicchiere

  • Pangrattato 40 g

  • Cipolle rosse di Tropea 80 g

  • Concentrato di pomodoro 150 g.

  • Caciocavallo/Parmiggiano 80 g

  • Uova sode 3

  • Olio extravergine d’oliva 40 g

  • Sale e Pepe fino q.b.

PREPARAZIONE
  • Per la realizzazione degli anelletti al forno alla Palermitana ricetta originale, dovrete prima di tutto preparare il Ragù siciliano che prevede l’aggiunta dei piselli. Nel frattempo preparate le uova sode (se volete mantenere la tradizione della vera pasta palermitana, altrimenti niente uova) e friggete le melanzane a fette spesse circa 1 cm.

  • Quando ragù siciliano, uova e melanzane saranno pronte, disponete tutto sul tavolo, e fate cuocere gli anelletti in abbondante acqua. Non devono ultimare la cottura, ma dovete scolarli a metà cottura; devono essere quasi croccanti al centro, altrimenti con la seconda cottura in forno diventeranno troppo molli e si romperanno facilmente.

  • Una volta cotti, trasferiteli nuovamente in pentola, aggiungete il ragù ed anche del parmigiano a vostro piacere, amalgamate in modo uniforme gli ingredienti a fuoco spento.

  • Preparate la vostra teglia, che dovrete rivestire con il burro, e poi con un po’ di pangrattato che si attaccherà al burro. Adesso, iniziate a comporre la vostra teglia, mettendo sul fondo le melanzane a fette stese una accanto all’altra fino a coprire tutta la teglia, e poi iniziate a mettere la pasta già ben amalgamata con tutto il ragù precedentemente cotto, parmigiano o caciocavallo. Le uova si tagliano a fette e si inseriscono nei vari strati. Se volete, potete aggiungere dei salumi a fette, tipo salame e prosciutto, insomma date sfogo alla vostra immaginazione!

  • Chiudete la teglia con l’ultimo strato di anelletti; sopra, coprite con un po’ di sugo privo di ragù e cospargete la superficie con l’ultimo cucchiaio di parmigiano/caciocavallo. Infornate a 200° C con forno statico; se non si forma la crosticina, potete accendere il grill per qualche minuto.

  • Servite i vostri anelletti al forno alla palermitana, ricetta originale, ben caldi e buon pranzo a tutti!

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani informato sui nostri consigli

Non amiamo lo spam. Puoi cancellarti quando vuoi.